A Giulia Canella il Premio Sillumina del Sardinia film festival 

in News
Visite: 83
Il prestigioso riconoscimento destinato ai giovani emergenti sarà consegnato a Roma dal direttore generale della SIAE Gaetano Blandini, affiancato dal presidente del SFF Angelo Tantaro e dal direttore artistico Carlo Dessì.
Il 4 ottobre 2018, Giulia Canella riceverà dal Direttore Generale SIAE, Gaetano Blandini, il premio SardiniaFilmFestival/Sillumina-copia privata per i giovani, per la cultura come miglior giovane regista italiana 2018. La premiazione si terrà a Roma nel nuovo Spazio Clienti della Società Italiana degli Autori ed Editori, in via della Civiltà Romana 17, alle ore 10. Parteciperanno alla cerimonia anche il Presidente del SardiniaFilmFestival Angelo Tantaro e il Direttore Artistico Carlo Dessì.
Con il cortometraggio La faim va tout droit, prodotto nel 2017 dal CSC Production e distribuito da Zen Movie, Giulia Canella ha vinto su oltre 1600 opere in concorso per la tredicesima edizione del SardiniaFilmFestival. Il talento di Giulia Canella è stato premiato grazie a Sillumina, l’iniziativa nata dall’Atto di indirizzo del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo in applicazione di una norma della legge di stabilità del 2016 che prevede la distribuzione del 10 per cento dei compensi per la copia privata gestiti da SIAE in attività che favoriscano la creatività e la promozione culturale nazionale ed internazionale dei giovani.
In questo modo, Sillumina ha finanziato con la sola prima edizione 216 progetti, per un totale di 6,310 milioni di euro: numeri destinati a crescere nella seconda edizione, che conta 296 progetti finanziati per 9,275 milioni di euro.
 
Il SardiniaFilmFestival è un premio cinematografico internazionale dedicato al cortometraggio. Tra i partner del Festival: la Regione Sardegna, la Sardegna Film Commission, i Comuni di Sassari, Villanova Monteleone, Alghero, Bosa e Stintino, UnipolSai, Alghero Airport, Confalonieri Auto e Character. Media partner Diari di Cineclub.
 
*foto del SFF è di Marco Dessì
 
Pin It