Luciano Bianciardi, tracce di cinema nella sua vita e opere

in News
Visite: 83
“Industria culturale” è un termine rilanciato da Luciano Bianciardi per dire che tutto fagocita, sfrutta commercialmente, confeziona come “prodotto”, da rivendere ad un pubblico ammansito dalla pubblicità.
Sul prossimo numero in uscita il 1° settembre di Diari di Cineclub un interessante mini saggio firmato da Elisabetta Francioni: Luciano Bianciardi, tracce di cinema nella sua vita e opere. Animatore di cineclub della FICC a Grosseto, sceneggiatore e critico cinematografico, l’autore di “La vita agra” “sognava un’Italia diversa, non arresa alla religione del conformismo, del guadagno, dell’arrivismo, del piccolo e del grande potere.” Bianciardi morirà prematuramente per cirrosi epatica nel 1971, a soli 49 anni.
 
Diari di Cineclub è un periodico indipendente di cultura e informazione cinematografica, tutti i collaboratori sono volontari, il costo è zero e viene distribuito gratuitamente online su oltre 100 siti, le nostre “edicole virtuali”. 
Per ricevere la rivista per mail scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
Pin It