Riflessioni sulla legge Franceskini sull'audiovisivo e sul cinema

in News
Visite: 108
La Nuova Legge Cinema e Audiovisivo: un po' minculpop, un po' ikea, un po' bancomat, un po' sòla, un po' francese, un po' "very bello", un po' spot, un po' fuffa, un po' bluff, un po' isterica, ma soprattutto attempata, senza passione, senza innovazione, senza qualità, senza vergogna, brutta e senz'anima: un'occasione persa. Ne discutono, animatamente, Ugo Baistrocchi e Antonio Fortuna, tra realtà e finzione, in una esclusiva intervista-dialogo sul prossimo numero di Diari di Cineclub.
Diari di Cineclub è una rivista digitale ed esce il 1 novembre. E’ distribuita online gratuitamente perché è indipendente, senza pubblicità e i collaboratori sono volontari.
Per richiedere l’abbonamento scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o scaricala su una rete di oltre 100 siti, le nostre “Edicole virtuali” il cui elenco troverai sulla quarta di copertina o su www.cineclubroma.it
 
Nella foto Charles Chaplin in “City Lights”- Luci della città (1931)
primi sui motori con e-max