Diari di Cineclub ISSN 2431 - 6739

 
Periodico indipendente di cultura e informazione cinematografica.
È diretto da Angelo Tantaro
 
Segue elenco dei premi assegnati da Diari di Cineclub con giurie composte dalla redazione del periodico e collaboratori vari.

Il premio Diari di Cineclub a: BÎRA MI' TÊTIN [I REMEMBER] di Selim Yildiz (Turkiye)

Visite: 45
Babel FilmFestival | Cagliari 4 – 9 Dicembre 2017
Diari di Cineclub Award 2017
La Giuria del Premio Diari di Cineclub – periodico indipendente di cultura e informazione cinematografica, nell’ambito del 5° Babel Film Festival ha assegnato all’unanimità il Premio Diari di Cineclub a:
Leggi tutto: Il premio Diari di Cineclub a: BÎRA MI' TÊTIN [I REMEMBER] di Selim Yildiz (Turkiye)

Il premio di Diari di Cineclub al film C’est la vie! di Eric Toledano, Olivier Nakache

Visite: 73
 
#RomaFF12 | 26 ottobre – 5 novembre 2017
Al film C’est la vie! di Eric Toledano, Olivier Nakache il premio di Diari di Cineclub alla Festa del Cinema di Roma.
Menzione a speciale ai film: Prendre le large di Gaël Morel e Tomorrow and thereafter di Noémie Lvovsky
Leggi tutto: Il premio di Diari di Cineclub al film C’est la vie! di Eric Toledano, Olivier Nakache

Il premio di Diari di Cineclub a Listen di Hamy Ramezan e Rungano Nyoni

Visite: 69
 
#SardiniaFF10 | dal 19 al 26 giugno 2015
SardiniaFilmFestival X edizione 2015
Premio Diari di Cineclub a Listen di Hamy Ramezan e Rungano Nyoni, una storia ambientata in  Danimarca che racconta le difficoltà di dialogo tra diverse culture. La giuria l’ha premiata perché è l’opera che più di tutte accoglie in sé un tema tragico e attuale insieme a una cinematografia sofisticata ed esperta.

Il premio di Diari di Cineclub a Come foglie di Theo Putzu,

Visite: 69
 
#SardiniaFF9 | Sassari dal 23 al 28 giugno 2014
SardiniaFilmfestival IX edizione 2014
Premio Diari di Cineclub a Come foglie di Theo Putzu, Italy, 2014 Con la seguente motivazione Per il richiamo ungarettiano alla precarietà dell’esistenza, per l’originalità stilistica e narrativa e il tema profondo della memoria individuale, che richiama il corso delle stagione e della natura come un processo inevitabile della vita.